Registro Toscano Malattie Rare

Tu sei qui: Home >Percorso del paziente > Sclerosi tuberosa

stampastampa dati statistici

Sezione in fase di aggiornamento per l'adeguamento dei contenuti alla Delibera regionale n.962/2017, Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza (DPCM 12.1.2017)

Nome

SCLEROSI TUBEROSA

Codice esenzione

RN0750

Classe

ALTRE SINDROMI E MALFORMAZIONI CONGENITE COMPLESSE

Definizione

La Sclerosi Tuberosa (ST) è una rara malattia genetica caratterizzata da lesioni chiamate amartomi, presenti nel cervello, cute, occhi, cuore, reni, polmoni. Possono essere associati anche epilessia, ritardo mentale e autismo. La Sclerosi Tuberosa ha una prevalenza nella popolazione europea stimata intorno a 9:100.000 ed è descritta in tutte le razze. I due sessi sono interessati alla stessa maniera; la diagnosi viene posta nella maggior parte dei casi tra i 2 ed i 6 anni d'età.

Struttura di coordinamento

AOU SIENA-NEUROLOGIA E MALATTIE NEUROMETABOLICHE
Sito web: http://www.ao-siena.toscana.it/Dip_neuroscienze/neurologia_malattie_metaboliche.htm
Policlinico Santa Maria alle Scotte Viale Mario Bracci, 16 - 53100 Siena
Telefono per appuntamento: 0577-585763; 0577-263355

Coordinatore

Prof. ANTONIO FEDERICO

Seconda struttura di coordinamento

AOU MEYER FIRENZE-NEUROLOGIA PEDIATRICA
Sito web: www.meyer.it
Viale Pieraccini, 24 - 50139 Firenze
Giorni di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 16.00
Telefono per appuntamento: 055-5662573

Secondo Coordinatore

Prof. RENZO GUERRINI

Mostra/Nascondi
Percorso del Paziente
La struttura di coordinamento di rete contribuisce ad assicurare la presa in carico del paziente ed il completamento dell'iter diagnostico, terapeutico e di certificazione.
visualizza ente 1
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 2
CONTROLLO
visualizza ente 3
DIAGNOSI
visualizza ente 4
TERAPIA
visualizza ente 5
ASSISTENZA-CONTROLLO CORRELATO
visualizza ente 6
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 9
CONTROLLO
visualizza ente 12
DIAGNOSI
visualizza ente 15
TERAPIA
visualizza ente 18
ASSISTENZA-CONTROLLO CORRELATO
visualizza ente 19
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 22
CONTROLLO
visualizza ente 26
DIAGNOSI
visualizza ente 29
TERAPIA
visualizza ente 32
ASSISTENZA-CONTROLLO CORRELATO
visualizza ente 33
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 36
CONSULENZA GENETICA
visualizza ente 37
CONTROLLO
visualizza ente 40
DIAGNOSI
visualizza ente 42
DIAGNOSI GENETICA
visualizza ente 43
TERAPIA
visualizza ente 46
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 47
CONTROLLO
visualizza ente 48
DIAGNOSI
visualizza ente 49
TERAPIA
visualizza ente 50
CONSULENZA GENETICA
visualizza ente 51
DIAGNOSI GENETICA
visualizza ente 52
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 53
CONTROLLO
visualizza ente 54
DIAGNOSI
visualizza ente 55
TERAPIA
visualizza ente 56
CERTIFICAZIONE PER ESENZIONE
visualizza ente 57
CONTROLLO
visualizza ente 58
DIAGNOSI
visualizza ente 59
TERAPIA
Mostra/Nascondi
Associazioni Pazienti
Mostra/Nascondi
Ulteriori indicazioni ai Pazienti

La diagnosi clinica e il follow up vengono effettuati anche presso l'AOU Meyer Firenze-Neurologia Pediatrica

Mostra/Nascondi
Link utili
Mostra/Nascondi
Bibliografia

Per approfondire Gomez MR, Sampson JR, Whittemore VH (eds). Tuberous Sclerosis Complex. Oxford University press, 1999. O’Callaghan FJ, Harris T, Joinson C et al. The relation of infantile spasms, tubers, and intelligence in tuberous sclerosis complex. Arch dis child 2004, 89: 530-533. Roach ES, Gomez MR, Northrup H. Tuberous sclerosis complex consensus conference: revised clinical diagnosis criteria. J Child neurol 1998; 13: 624-628. John RW Yates. Tuberous sclerosis.European Journal of Human Genetics (2006) 14, 1065–1073

Mostra/Nascondi
Ottenere altre informazioni

Per ottenere maggiori informazioni, o per assistenza telefonare al numero verde regionale gratuito 800 880101, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00. Chiuso il sabato e la domenica.

Mostra/Nascondi
Descrizione clinica

La Sclerosi Tuberosa è una malattia multisistemica con manifestazioni piuttosto variabili da soggetto a soggetto, anche nell'ambito della stessa famiglia. Gli organi maggiormente interessati sono il cervello, la cute, gli occhi, il cuore, i reni; è possibile anche il coinvolgimento di polmoni e fegato. Le lesioni cerebrali caratteristiche della malattia sono rappresentate essenzialmente dai noduli subependimali e dai tuberi corticali (amartomi), variabili per numero e dimensioni, costituiti da diversi tipi di cellule nervose stratificate in modo irregolare rispetto al tessuto circostante. Queste lesioni sono già presenti alla nascita, variano di numero e dimensione da soggetto a soggetto e sono all'origine dei disturbi neurologici della malattia. L'epilessia, il ritardo mentale e l'autismo costituiscono i sintomi neuropsichiatrici più importanti della Sclerosi Tuberosa. In particolare, le crisi epilettiche si manifestano nel 60% dei pazienti ed esordiscono spesso nei primi mesi di vita in particolare sotto forma di spasmi. Possono anche essere presenti crisi focali, generalizzate, crisi atoniche. Circa il 50% dei bambini presenta inoltre un ritardo mentale, con una compromissione cognitiva che sembra essere influenzata dall'età d'esordio e dalla gravità delle crisi epilettiche, nonché dal numero, dalla grandezza e dalla localizzazione dei tuberi corticali. Possono infine essere presenti disturbi del sonno e disturbi comportamentali, quali autismo, iperattività, deficit dell'attenzione.A livello cutaneo, la manifestazione di più frequente riscontro (90% dei casi) è costituita dalle macchie ipopigmentate, spesso già presenti alla nascita. Variabili per dimensioni e numero, esse tendono a rimanere stazionarie e possono essere localizzate in qualunque parte del corpo. Sul naso, sulle guance, nelle pieghe naso-labiali è possibile osservare invece gli angiofibromi facciali,ovvero lesioni nodulari (amartomi) che si sviluppano nella tarda infanzia in circa l'80% dei casi. Placche fibrose si possono sviluppare sulla fronte e sul cuoio capelluto. Fibromi penduli sul collo o sulle spalle e fibromi ungueali sono evidenziabili nell'adolescenza o in età adulta.Circa il 75% dei soggetti con Sclerosi Tuberosa presenta lesioni oculari quali depigmentazione iridea ed amartoma retinico. I reni possono essere interessati, essenzialmente, da angiomiolipomi e cisti. Gli angiomiolipomi, generalmente multipli e bilaterali, sono amartomi (formazioni nodulari benigne) costituiti da tessuto vascolare, adiposo e muscolare liscio. Si sviluppano durante la tarda infanzia e l'adolescenza, e possono essere asintomatici o associarsi a manifestazioni quali dolore lombare, presenza di sangue nelle urine (ematuria). Le cisti renali sono anch'esse una caratteristica comune e sono generalmente asintomatiche, fatta eccezione per i rari casi di pazienti affetti sia da Sclerosi Tuberosa che da Reni Policistici (a causa della delezione dei geni contigui TSC2 e PKD1) che invece sviluppano insufficienza renale.A livello cardiaco, la neoformazione che è possibile identificare è il rabdomioma, lesione che può andare incontro ad una regressione spontanea. La sua più alta incidenza è nei bambini d'età inferiore ai 2 anni, con un secondo picco nella pubertà. Nella maggior parte dei casi i rabdomiomi sono asintomatici, tuttavia, talora, soprattutto nei neonati, possono causare un'insufficienza cardiaca od indurre la comparsa di aritmie. In circa il 30% dei pazienti, in particolare nelle femmine, possono essere presenti cisti polmonari multiple associate a noduli (linfangioleiomiomatosi) generalmente asintomatiche. Amartomi epatici sono riscontrabili in oltre il 20% dei pazienti e sono asintomatici.La malattia è trasmessa ereditariamente con una modalità autosomica dominante: ciò significa che, ad ogni gravidanza, il soggetto affetto ha il 50% di probabilità di trasmettere al figlio/a la mutazione, e quindi la Sclerosi Tuberosa.I geni responsabili della patologia sono: TSC1 localizzato sul cromosoma 9 e TSC2 localizzato sul cromosoma 16, che codificano rispettivamente per le proteine amartina (gene TSC1) e tiberina (gene TSC2) coinvolte nel controllo della proliferazione e differenziazione cellulare. Accertamenti diagnostici La diagnosi è usualmente basata su criteri clinici e radiologici distinti in criteri maggiori e minori. La consulenza genetica è indicata sia nelle forme familiari che sporadiche. Nella maggioranza dei casi, i genitori del soggetto affetto risultano essere sani anche dopo aver eseguito tutti gli accertamenti clinici e strumentali consigliati. In questi casi il soggetto affetto rappresenta un caso sporadico di Sclerosi Tuberosa e la malattia è dovuta ad una nuova mutazione (del gene TSC1 o TSC2). Nel caso in cui la mutazione sia stata identificata nel soggetto affetto, è possibile eseguire lo screening dei membri consanguinei della famiglia ed eventualmente l'indagine genetica prenatale, attraverso l'analisi molecolare su DNA estratto da cellule di villo coriale (10-12° settimana di gestazione) o di liquido amniotico (15-17° settimana di gestazione). Altri accertamenti consigliati: EEG sonno/veglia, RMN encefalo, Eco cuore, Eco addome, visita oculistica, dermatologica Possibilità terapeutiche La terapia è essenzialmente sintomatica e di supporto, diversa a seconda delle caratteristiche del singolo caso clinico. E' importante il controllo precoce delle crisi epilettiche attraverso l'uso di farmaci anticonvulsivi. Nei paziente con sclerosi tuberosa il farmaco di prima scelta per il trattamento degli spasmi è il vigabatrin. Lesioni di tipo estetico (angiomi facciali e fibromi ungueali) possono essere trattate chirurgicamente o con trattamento laser. Lesioni renali, cardiache e polmonari necessitano in alcuni casi di trattamento chirurgico. Disturbi comportamentali e cognitivi possono necessitare di un approccio multidisciplinare e di un supporto pedagogico. Monitoraggio raccomandato Per il follow-up si raccomanda, in assenza di specifici problemi, un esame clinico con frequenza annuale (o con tempi più stretti secondo l'indicazione clinica e/o strumentale). Il controllo annuale deve sempre includere l'esame del fondo oculare, al fine di escludere i segni indiretti e precoci (es. edema della papilla) di ipertensione endocranica. Gli altri esami strumentali (ECG, EEG ed ecografie cardiache o addominali, RMN encefalo) dovrebbero essere eseguiti con periodicità dettata dalla presenza o meno di lesioni e dalle caratteristiche specifiche di queste ultime.

Autore della scheda

Prof. Renzo Guerrini; Dott.ssa Simona Pellacani

Ultimo aggiornamento scheda

Monday 18 September 2017