Registro Toscano Malattie Rare

Tu sei qui: Home >Percorso del paziente > Sindrome da inappropriata secrezione di adh (siadh) paraneoplastica

stampastampa dati statistici

Sezione in fase di aggiornamento per l'adeguamento dei contenuti alla Delibera regionale n.962/2017, Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza (DPCM 12.1.2017)

Nome

SINDROME DA INAPPROPRIATA SECREZIONE DI ADH (SIADH) PARANEOPLASTICA

Codice esenzione

Classe

MALATTIE DELLE GHIANDOLE ENDOCRINE

Definizione

La SIADH (o SIAD, per sindrome da inappropriata anti-diuresi, come è stata più recentemente rinominata) è un raro disordine dell’omeostasi idrosalina che si caratterizza per una inappropriata attività antidiuretica in rapporto ai livelli di osmolalità plasmatica con conseguente iponatremia ipotonica. La diagnosi di SIADH si basa sulla valutazione di parametri specifici quali volume circolante, osmolalità plasmatica ed urinaria, elettroliti urinari.

Una possibile causa di SIADH è rappresentata dalla secrezione ectopica di ormone antidiuretico (ADH) da parte di alcune neoplasie, in particolare il microcitoma polmonare. Secondo dati ottenuti da un recente Registro delle Iponatremie, comprendente paesi europei ed USA, la SIADH paraneoplatica rappresenterebbe circa il 19% delle forme di SIADH nei pazienti ospedalizzati. Pertanto, considerando la prevalenza della SIADH e più in generale delle iponatremie nella popolazione, si può stimare che la prevalenza di tale disturbo nella popolazione generale si aggiri intorno allo 0.05%

Struttura di coordinamento

AOU CAREGGI FIRENZE-ENDOCRINOLOGIA
Ambulatori: - Villa Monna Tessa, Viale Pieraccini 17 - SOD Medicina Sessualità e Andrologia, Viale Pieraccini 6
Giorni di apertura: Tutti i martedì, prima visita ore 14.30, Ambulatori Endocrinologici di Villa Monna Tessa, viale Pieraccini 17
Telefono per appuntamento: 055-7949960 (dalle 8.00 alle 13.00), 055-7949275, 055-7949517

Coordinatore

Prof. MASSIMO MANNELLI

Mostra/Nascondi
Percorso del Paziente
La struttura di coordinamento di rete contribuisce ad assicurare la presa in carico del paziente ed il completamento dell'iter diagnostico, terapeutico e di certificazione.
visualizza ente 1
CONTROLLO
visualizza ente 2
DIAGNOSI
visualizza ente 3
TERAPIA
visualizza ente 4
CONTROLLO
visualizza ente 5
DIAGNOSI
visualizza ente 6
TERAPIA
Mostra/Nascondi
Link utili
Mostra/Nascondi
Bibliografia

Upadhyay A, et al. Am J Med. 2006; 119 (Suppl 1):S30-5.
Boscoe A, et al. Cost Eff Resour Alloc. 2006;31:4-10.                                                    
Raftopoulos H. Support Care Cancer  2007;15:1341-1347
Renneboog B, et al. Am J Med. 2006; 119: 71.e1-71.e8                                                                                
Kinsella S, et al. Clin J Am Soc Nephrol. 2010; 5: 275-280
Verbalis JG, et al. J Bone Miner Res. 2010;25:554-563
Corona G, et al. Plos One 2013; 8:e80451
Jeppesen AN, et al., Br J Cancer 2010;102:867-872
Hansen O, et al. Lung Cancer 2010; 68:111-114
Hermes A, et al. Respiratory Medicine 2012;106,:900-904
Castillo JJ, et al. Oncologist 2012;17:756-765                                                                                         
Kawashima A, et al., Int J Urol 2012;19:1050-1057
Verbalis JG, et al. Am J Med 2013;126(Suppl 1):S1-42

Mostra/Nascondi
Ottenere altre informazioni

Per ottenere maggiori informazioni, o per assistenza telefonare al numero verde regionale gratuito 800 880101, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00. Chiuso il sabato e la domenica.

Mostra/Nascondi
Descrizione clinica

Le conseguenze cliniche dell’iponatremia secondaria a SIADH possono essere considerevoli e determinare importanti ripercussioni sullo stato di salute e sulla qualità di vita dei pazienti, compresi i pazienti neoplastici. In questi pazienti, all'insorgenza della SIADH può contribuire il trattamento con chemioterapici.

L’iponatremia acuta rappresenta un’emergenza medica, in quanto può causare edema cerebrale; anche l’iponatremia cronica, pure quando lieve/moderata, può tuttavia determinare una compromissione dello stato di salute, poiché è associata a varie manifestazioni cliniche come ad es. alterazioni dell’equilibrio con instabilità posturale, aumentato rischio di cadute e fratture, demineralizzazione ossea, con conseguente aumento del rischio di ospedalizzazione.

Le manifestazioni cliniche dell'iponatremia possono quindi incidere negativamente anche in modo marcato sulla qualità di vita dei pazienti. Dati recenti hanno dimostrato che anche modeste riduzioni della natremia sono un fattore di rischio indipendente di mortalità ospedaliera. Appare quindi importante diagnosticare ed inquadrare correttamente tale disturbo e trattarlo con le strategie terapeutiche più appropriate.

Autore della scheda

Prof. Alessandro Peri

Ultimo aggiornamento scheda

Monday 18 September 2017